Archivi tag: CRESTOMAZIA

CRESTOMAZIA: “Erigerò in tuo ricordo un tempio di silenzio” di Adonis

CRESTOMAZIA: “Erigerò in tuo ricordo un tempio di silenzio” di Adonis

Erigerò in tuo ricordo un tempio di silenzio ovunque andrò su questa terra: silenzio che a volte appare quale alberi spogli e a volte acqua sorgiva tempio alla cui porta … Continua a leggere

CRESTOMAZIA: Elisa Biagini, “Da una Crepa”

CRESTOMAZIA: Elisa Biagini, “Da una Crepa”

Elisa Biagini, Da una Crepa, Einaudi, 2004 Selezione a cura di Francesco Sasso ______________________________ Mi si chiudono le notti dentro il palmo, ti tocco e sei d’inchiostro.   * Le … Continua a leggere

CRESTOMAZIA: “UN UOMO FELICE” di HAI ZI

CRESTOMAZIA: “UN UOMO FELICE” di HAI ZI

Da domani, sarò un uomo felice nutrirò cavalli, spaccherò legna, girerò il mondo da domani, penserò al grano e alla verdura ho una casa, davanti al mare,  sboccia la primavera … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 33: “Intimazione” di Marguerite Yourcenar

CRESTOMAZIA 33: “Intimazione” di Marguerite Yourcenar

Intimazione di Marguerite Yourcenar La morte si avvicina, e il suo rumore: Fratello, Amico, Ombra, cosa importa? È la morte la nostra unica porta per uscire da un mondo dove … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 32: “L’appello” di Harry Martinson

CRESTOMAZIA 32: “L’appello” di Harry Martinson

“L’appello” di Harry Martinson La luna piena risplende sul mare e tu nel mio cuore. La riva attende e invecchia. Tu non vieni mai. Fugace il sentiero lunare sul mare … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 31: “Perch’i’ no spero di tornar giammai” di Guido Cavalcanti

CRESTOMAZIA 31: “Perch’i’ no spero di tornar giammai” di Guido Cavalcanti

Perch’i’ no spero di tornar giammai, ballatetta, in Toscana, va’ tu, leggera e piana, dritt’ a la donna mia, che per sua cortesia ti farà molto onore.

CRESTOMAZIA 30: “Così comincia a donare” di Cesare Viviani

Così comincia a donare chi non sa amare, l’amore non abbisogna di doni. Per fare spazio dentro di sé quante case da abbandonare, quante strade da macinare, finché l’aria si … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 29: “Rotta” di CLAUDIA MARÍA JOVEL

CLAUDIA MARÍA JOVEL (1969 – 1989) Ruta Caminábamos por la ruta escogida seguros de llegar pronto al final. Nos burlamos hasta del más mísero gusano, logramos penetrar mil barreras, descubrimos … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 28: “ROLLS ROYCE” di Giorgio Bassani

1982: Giorgio Bassani legge la poesia Rolls Royce “Dell’altra moltitudine che abbiamo di versi, quasi infinita, ha scelto ciò che gli è riuscito o più elegante, o più poetico, o … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 27: “Sì come i marinar’ guida la stella” di Monte Andrea da Firenze

“Sì come i marinar’ guida la stella” di Monte Andrea da Firenze Sì come i marinar’ guida la stella, che per lei ciascun prende suo vïag[g]io, e chi per sua … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 26: “A la stagion che ‘l mondo foglia e fiora” di Compiuta Donzella

A la stagion che ‘l mondo foglia e fiora acresce gioia a tut[t]i fin’ amanti: vanno insieme a li giardini alora che gli auscelletti fanno dolzi canti; la franca gente … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 25: “HO VINTO L’ABISSO” di Jatzy Castillo

HO VINTO L’ABISSO di Jatzy Castillo (Venezuela) Anche se fragile nella mia forza e se è rimasta decapitata l’illusione oggi pesto forte i miei piedi tra le pietre e anche … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 24: Callimaco, Davanti a una porta chiusa

Davanti a una porta chiusa Conopio, vorrei che tu dormissi come costringi me a dormire, sotto questo portico gelato. Donna insensibile, vorrei che tu dormissi come fai dormire il tuo … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 23: René Char, “Giorno orrendo…”

Giorno orrendo! Ho assistito, qualche centinaio di metri distante, all’esecuzione di B. C’era solo da premere il grilletto del mitra e poteva essere salvo! Eravamo sulle alture che dominano Céreste, … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 22: Percivalle Doria, “Come lo giorno…”

Come lo giorno… Come lo giorno quand’è dal maitino claro e sereno – e bell’è da vedere, per che gli augelli fanno lor latino, cantare fino, – e pare dolze … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 21: Gyula Illyés, “Fantasma”

FANTASMA Stamani, l’aria è di vetro: stupito, cammino attraverso un muro di cristallo e un altro muro, perché tu veda − anche se di sera il mio cuore si incrina … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 20: Attila József, “L’inventario è pronto”

L’inventario è pronto Confido in me fin dall’inizio – Per chi non ha niente, non è che costi molto; ad ogni modo non più che all’animale, che se ne va … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 19: José Hierro, “ACCANTO AL MARE”

ACCANTO AL MARE Se muoio, che mi mettano nudo, nudo accanto al mare. Saranno le acque grigie il mio scudo e non si dovrà lottare. Se muoio che mi lascino … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 18: Salvatore Toma, “Il maiale”

Canzoniere della morte, Salvatore Toma Continua a leggere

CRESTOMAZIA 17: GIORGIO VIGOLO, “La Collina”

La Collina Uscire ai campi ancora mi consola e solo andare in compagnia degli alberi a toccare il cielo sulla collina. Una capra legata brucava in un pendio: io mi … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 16: Eugenio Montejo, “GLI ALBERI”

GLI ALBERI Parlano poco gli alberi, si sa. Passano tutta la vita meditando e muovendo i loro rami. Basta guardarli in autunno quando si riuniscono nei parchi: soltanto i più … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 15: Carlos Drummond de Andrade, “BAMBINO CHE PIANGE NELLA NOTTE”

BAMBINO CHE PIANGE NELLA NOTTE Nella notte lenta e tiepida, morta notte senza rumore, un bambino piange. Il pianto dietro il muro, la luce dietro la vetrata si perdono nell’ombra … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 14: Giacomo da Lentini, «Meravigliosamente»

«Meravigliosamente» Meravigliosamente un amor mi distringe e mi tene ad ogn’ora. Com’om che pone mente in altro exemplo pinge la simile pintura, così, bella, facc’eo, che ’nfra lo core meo … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 13: S. Francesco d’Assisi, “Laudes creaturarum”

S. Francesco d’Assisi, Laudes creaturarum Altissimu, onnipotente, bon Signore, tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione. . Ad te solo, Altissimo, se konfano, et nullu omo … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 12: Elegia giudeo-italiana

Elegia giudeo-italiana La ienti de Sïòn plange e lutta; dice: “Taupina, male so’ condutta em manu de lo nemicu ke m’ao strutta”. . La notti e la die sta plorando, … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 11: “Io non me la rido della morte ” di JAVIER HERAUD

“Io non me la rido della morte ” di JAVIER HERAUD   Tu hai voluto riposare in terra morta ed in oblio. Credevi di poter vivere da solo nel mare, … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 10: “Poesia” di Juan Gelman

“Poesia” di Juan Gelman   Giovedì passato nell’atmosfera amichevole della tua conversazione. Sulla tovaglia, i dolci piatti, il coltello all’erta, la voglia di mangiare.   La voglia pure di parlare … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 9: “RIMPROVERO” di HUMBERTO AK’ABAL

RIMPROVERO La luna era una grande casa seduta sulla schiena della collina. Quando mio padre mi rimproverava, io andavo dalla luna e lì dormivo. (da Tessitore di parole, Le Lettere, … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 8: “Aiére” di Albinio Pierro

Aiére Aiére nun ha’ vinute, e a mmi ca t’aspittèj cannijànne passàite ‘a morte cchi ncolle e si facìte u fridde cchiù grane. Pò come nda nu mère di nive … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 7: “Le mani giunte” di KIKUO TAKANO

LE MANI GIUNTE Quando la scimmia col suo piccolo in braccio corre sconvolta ma non fa in tempo a fuggire, né trova il suo rifugio, verso chi le punta il … Continua a leggere

CRESTOMAZIA 6: “Mi alzo con le palpebre infuocate” di Pier Paolo Pasolini

Mi alzo con le palpebre infuocate. La fanciullezza smorta nella barba cresciuta nel sonno, nella carne smagrita, si fissa con la luce fusa nei miei occhi riarsi. Finisco così nel … Continua a leggere

SIATE IL MEGLIO. Poesia di Martin Luther King

Se non potete essere un pino sulla vetta del monte, siate un cespuglio nella valle, ma siate il miglior piccolo cespuglio sulla sponda del ruscello. Siate un cespuglio se non … Continua a leggere

“Strambotti” di Niccolò Machiavelli

I Io spero, e lo sperar cresce ‘l tormento: io piango, e il pianger ciba il lasso core: io rido, e el rider mio non passa drento: io ardo, e … Continua a leggere

[POESIA] “Ebbi timore” di William Blake

Temevo che la furia del mio vento Rendesse vizzi tutti i fiori veri e belli; Ed il mio sole risplende, risplende, Ed il mio vento mai no sibilò. Ma un … Continua a leggere

[POESIA] “Strambotti” di Niccolò Machiavelli

I Io spero, e lo sperar cresce ‘l tormento: io piango, e il pianger ciba il lasso core: io rido, e el rider mio non passa drento: io ardo, e … Continua a leggere

[POESIA] “Non cercare mai” di William Blake

Non cercare mai di dire il tuo amore, Amore che non può essere mai detto; Il gentile soffio si muove In silenzio, invisibile. Dissi il mio amore, già dissi il … Continua a leggere

[Poesia] Giuliano Mesa (da “Quattro quaderni”)

Giuliano Mesa (da Quattro quaderni, 1999) questa sorda sirena, e finalmente il suono della fine (è già finita, non resta che finire) questa sera serena, che mente fino all’ultimo sospiro … Continua a leggere

[Poesia] Ivano Ferrari, “La morte moglie”

Ivano Ferrari, La morte moglie, Einaudi. Sono bovini diversi di pelo corto folti ciuffi sulla fronte e manti che tendono al chiaro, il primo della fila riceve un colpo secco, … Continua a leggere

[Poesia] Corrado Costa (da “Pseudobaudelaire”)

Corrado Costa (da Pseudobaudelaire, 1964) I due passanti: quello distinto con il vestito grigio e quello distinto con il vestito grigio, quello con un certo portamento elegante e l’altro con … Continua a leggere

[Poesia] Alba Donati, “Idillio con cagnolino”.

Alba Donati, Idillio con cagnolino, Fazi. Notte di San Lorenzo Dormite insieme nello stesso letto con i vostri ottant’anni di differenza, del mondo non sappiamo più niente: non ascoltiamo i … Continua a leggere