“La macinatrice” di Massimiliano Parente

Recensione/schizzo #6 Prima o poi dovrò decidermi a rileggere La macinatrice di Massimiliano Parente. Lessi il libro due anni fa e non mi piacque, affogato com’era fra sottigliezze e freddure, con espressioni che nella voluminosa forma del romanzo spiccavano più, e sono reminiscenze, per sfoggio di potenza intellettuale che per proprietà narrativa. In generale, il romanzo è apprezzabile in alcune … Continue reading

“Il cimitero marino” di Paul Valery

Ho letto Le cimetière marin (Il cimitero marino) di Paul Valery (1871-1945). Da giovane fu discepolo e amico di Mallarmé, parve rievocare gli ideali parnassiani, ricercando unicamente l’assoluta perfezione formale. Ma in realtà disse chiaro che la poesia doveva essere unicamente un exercice, condotto con gusto ed abilità, null’altro. Con una simile affermazione di principio, Valery si mascherava nella maniera … Continue reading

“Sessanta racconti” di Dino Buzzati

I racconti di Dino Buzzati (1906-1972) evocano atmosfere surreali, che talvolta scaturiscono dalla rappresentazione di realtà fiabesche, talaltra, e più spesso, trapelano dalla descrizione di situazioni fuori dal comune epperò affatto verosimili, seguite dall’inquieta attesa di un evento che restituisca senso e valore all’esistenza. Ai racconti non si possono rimproverare che i difetti consueti della prosa del tempo: l’eccesso di … Continue reading

APPUNTAMENTO CON IL NOTAIO / PAURA DELLA NOTTE di Alessio Paša

di Francesco Sasso L’Opera comprende quattro racconti in versi: il primo, il più lungo, è “Appuntamento con il notaio” che, con l’altro “Paura della notte”, dà il nome alla raccolta.  Sottotitolo dell’opera: racconto in versi. Vorrei iniziare questo mio breve articolo soffermandomi sull’espressione “racconti in versi”. Esso è un genere poco frequentato dagli autori contemporanei italiani, mi sovvengono poche eccezioni, … Continue reading

“A passo di gambero. Guerre calde e populismo” di Umberto Eco

Recensione/schizzo #5 Ho appena terminato di leggere A passo di gambero. Guerre calde e populismo mediatico di Umberto Eco. Libro tagliente, vivace, divertente e profondo, messo insieme per la maggior parte con articoli pubblicati su “La Repubblica” e “L’Espresso”, accresciuto da pochi e brevi saggi scritti per conferenze e congressi. Il nucleo centrale del libro è l’idea che “negli ultimi … Continue reading

Il criterio di originalità nella letteratura latina

(appunti) Nessun autore antico ha mai pensato che “originalità” si identificasse con la creazione di nuove tematiche e di nuovi generi letterari. E’ nella lingua che, per gli autori latini arcaici, consiste l’originalità della propria opera. Il criterio romantico dell’immediatezza non ha alcun peso nel mondo romano, in cui un’opera letteraria è frutto di una lunga ed attenta elaborazione. Il … Continue reading

Octavio Paz

Octavio Paz (1914-1998), poeta messicano, premio Nobel per la letteratura nel 1990, è uno dei maggiori poeti e intellettuali messicani della seconda metà del secolo scorso. Paz sosteneva che la cultura ispano-americana non può prescindere dal suo legame con la tradizione occidentale. Infatti, la sua poesia è influenzata dal surrealismo francese, congiuntamente al mondo naturale, alla mitologia azteca e orientale … Continue reading

Cultura e letterarietà (Jurij Michajlovič Lotman)

Cultura e letterarietà (Appunti per una riflessione futura) La nascita di una civiltà letteraria è un fatto estremamente complesso e ciascun popolo elabora le proprie forme culturali a seconda degli influssi con cui viene a contatto e delle proprie esigenze. Oggi è ancora corretto chiedersi in quale rapporto stiano le forme letterarie con l’ambiente sociale e con le classi dominanti, quale … Continue reading

Cecco Angiolieri (‘200)

Cecco Angiolieri (1260 circa- 1312?) si distingue per i suoi centocinquanta sonetti, alcuni dei quali contengono la storia del suo amore per Becchina; prima si lagna della freddezza della fanciulla, poi esulta per averla conquistata, infine si rode per averla perduta. Becchina è donna tutt’altro che angelica; è avida e sensuale e il poeta, anziché idealizzarla come gli stilnovisti, la … Continue reading

“Medium” di Giuseppe Genna

Recensione/schizzo #4 Nel modo di narrare di Genna esiste un’esaltazione quasi morbosa e un’estrema lucidità narrativa. Il protagonista di Medium è agitato da una nascosta follia, da un’angoscia invincibile e da una sfrenata ambiguità; tuttavia la storia si svolge e si rivolge con una perfetta coerenza narrativa e verosimiglianza- soprattutto nella prima parte-, cosa che dà maggior risalto all’atmosfera fatale … Continue reading