Intervista a Hubert Selby Jr.

di Ellen Burstyn traduzione di Dario Matrone ELLEN BURSTYN: Cubby [soprannome di Hubert Selby Jr., n.d.t.], mi interessa conoscere il tuo percorso spirituale. Voglio sapere da dove sei partito spiritualmente e qual è stato il tuo cammino. HUBERT SELBY JR.: Non saprei. Probabilmente non scoprirò da dove sono partito come spirito finché non lascerò il mio corpo. Ma sono sicuro … Continue reading

Tre recensioni in due battute (3×2)

Recensione in due battute 1. Critico: “Qual è il fine della sua opera letteraria?”. Poeta: “Io non tratto la letteratura, io tratto le parole”. Recensione in due battute 2 L’accademico: “La distinzione dell’evento d’essere e della verità è tuttavia sufficiente ad assicurare il suo linguaggio al pensiero dell’Infinito che oltrepassa la totalità?” Poeta: “Offrimi una birra….” Recensione in due battute … Continue reading

WikiCodex: Codex Zographensis

Il Codex Zographensis (bulgaro Зографско евангелие, russo Зографское евангелие) è un vangelo miniato del IX – X secolo scritto in alfabeto glagolitico una delle forme più arcaiche di scrittura cirillica, ritrovato nella biblioteca del Monastero di Zografou Monte Athos nel 1843, dal diplomatico e scrittore croato Antun Mihanović. Il manoscritto contiene 304 fogli di pergamena, la prima parte è andata … Continue reading

Gogol, il grottesco crea indimenticabili figure della letteratura

Gogol, il grottesco crea indimenticabili figure della letteratura _____________________________ di Domenico Carosso . Scrive Clemente Rebora, in calce alla sua traduzione del Mantello che «la novella fu per la Russia come una crisalide donde uscì la farfalla dell’arte, una volta concepita dall’originalità nazionale e organicamente addestrata al volo dalla poesia di Puškin. Sulle prime passò quasi inosservata, mentre Gogol´ levava … Continue reading

BIBLIOGRAFIA: Storie sintetiche recenti

Storie sintetiche recenti di storia della letteratura italiana Quella classica di N. Sapegno, Compendio di storia della letteratura italiana , Firenze, La Nuova Italia, 1956; G. Petronio, L’attività letteraria in Italia , Palermo, Palumbo, 1979; G. Ferroni, Storia della letteratura italiana , Torino, Einaudi, 1991 (in 4 voll.), e Profilo storico della letteratura italiana , Torino, Einaudi, 1992 (vol. unico); … Continue reading

BIBLIOGRAFIA COOPERATIVE LEARNING

BIBLIOGRAFIA COOPERATIVE LEARNING  Spencer Kagan, “L’apprendimento cooperativo: l’approccio strutturale”, Edizioni Lavoro, Roma 2000  Mario Comoglio “Insegnare e apprendere in gruppo”, LAS, Roma 1996  Mario Comoglio “Educare insegnando”, LAS, Roma 1999  Mario Comoglio “Insegnare ed apprendere con il PORTFOLIO”, Fabbri Editore 2004  Grant Wiggins e Jay Mc Tighe “Fare progettazione, LA TEORIA…”, LAS, Roma 2004  … Continue reading

LESSICO ARCIMBOLDIANO

LESSICO ARCIMBOLDIANO _____________________________ di Stefano Lanuzza . Giardiniere del suo Hortus deliciarum rinserrato nella Kunstkammer baluginante di fuochi fatui e staffilata da luci e ombre, Vertumno, malinconico signore della metamorfosi, si circonda di monstra, naturalia, artificialia e mirabilia, di squisiti spettri, di oggetti rari e astrusi, di golem, caravanserragli e chimere… In un estremo inno al capriccio, al mutamento e … Continue reading

L’approccio culturalista all’educazione

Queste sono dunque le tre forme assunte dall’approccio computazionalista all’educazione. La prima riformula le vecchie teorie dell’apprendimento (o dell’insegnamento o di altro) in una forma computabile, nella speranza che la riformulazione dia origine a un surplus di potenzialità. La seconda analizza ampi protocolli e vi applica l’apparato della teoria computazionale, allo scopo di individuarne meglio le eventuali caratteristiche computazionali. Poi … Continue reading

Tortura

Giaceva su qualcosa che dava l’idea di un giaciglio da campo, salvo che era sollevato a una certa altezza dal suolo e che egli vi era fissato in modo che qualsiasi movimento gli fosse impossibile. Gli pioveva dritta sulla faccia una luce che sembrava ancora più intensa del solito. O’Brien era in piedi accanto a lui e lo scrutava attentamente: dall’altro … Continue reading