Crea sito

Margarete Buber Neumann, “Prigioniera di Stalin e Hitler”

Margarete Buber Neumann, Prigioniera di Stalin e Hitler, Il Mulino, 1994

Quarta di copertina

È l’autobiografia della Buber Neumann relativa agli anni 1937-1945 e racconta della sua esperienza nei campi di “rieducazione” sovietici e nel lager tedesco di Ravensbruck. Il libro prende le mosse dall’improvviso arresto a Mosca del marito Heinz, dirigente comunista, e dai mesi che l’autrice conduce prima di essere a sua volta arrestata e condannata a cinque anni di lavori forzati nel campo di Karaganda. La parte più drammatica del libro riguarda però i cinque anni trascorsi a Ravensbruck, dove fu rinchiusa dopo che l’Unione Sovietica la cedette alla Gestapo. Nella sezione dedicata a Ravensbruck ha gran parte la storia dell’amicizia con Milena Jesenka, la giornalista ceca amica di Kafka. La parte finale è dedicata al ritorno dopo la liberazione dal lager.